La Conca dell’Incoronata e le Porte Vinciane, romantico scorcio dei Navigli lombardi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 3 . Media: 5,00 su 5)

Situata a Milano in via San Marco, la Conca dell’Incoronata, altrimenti nota come la Conca delle Gabelle, è una delle gemme ammirabili percorrendo i navigli lombardi. Infatti, ai nostri giorni, questa antica conca, grazie alla quale era possibile agevolmente superare il livello compreso tra la Cerchia dei Navigli e il Naviglio della Martesana, rappresenta l’unica testimonianza visibile di quello che raffigurava il Naviglio della Martesana, posto all’interno di quelle cerchie di mura spagnole che, un tempo, cingevano la città di Milano.

 

Conca dell’Incoronata

 

 

Descrizione

 

La Conca dell’Incoronata, seppure sia divenuto un naviglio asciutto, è, quindi, una testimonianza importante del passato glorioso del capoluogo lombardo. Il manufatto del canale, dalla effettiva lunghezza di una sessantina di metri, risulta essere formato da delle sponde in pietra, da un ponticello, costruito anch’esso in pietra.

 

Oltre a ciò, la Conca dell’Incoronata presenta una meravigliosa testimonianza di paratie in legno, facente parte di quello che era il sistema di chiuse. Oltre a queste originali porte, è presente l’edicola, un tempo occupata dal manovratore, la quale è risalente all’epoca risorgimentale.

 

Le motivazioni che portano a visitare a Milano la Conca dell’Incoronata, sono di vario carattere. Infatti, è affascinante tanto da un punto di vista storico quanto architettonico. Il suo nome è fatto risalire alla omonima parrocchia che si trova nelle sue immediate vicinanze.

 

In tempi successivi, il suo nome divenne Conca delle Gabelle, e a motivazione di ciò, vi è il fatto che questo punto che permetteva l’ingresso a Milano, era divenuto anche il luogo ove venivano riscosse le gabelle, ovvero una sorta di tassa indiretta legata al trasporto delle persone, come pure ai consumi e agli scambi delle merci.

 

Inaugurata nel 1496, ossia proprio quando Leonardo da Vinci, che si trovava a Milano al servizio di Ludovico il Moro, era intento a perfezionare il meccanismo delle sue porte, per andare a facilitare tanto l’immissione quanto l’emissione delle relative acque. Questo fatto è storicamente appurato, tant’è che è possibile osservare appunti e disegni che sono presenti nel Codice Atlantico, il quale è conservato a Milano presso la Veneranda Biblioteca Ambrosiana.

 

A tal proposito, è fatto obbligo ricordare che le cosiddette Porte Vinciane che vennero, per la prima volta, realizzate, appunto, sulla Conca dell’Incoronata, sono, in seguito, state utilizzate in tutti i canali esistenti al mondo. Una particolarità che la rendono una testimonianza ancor di più interesse, valore e importanza.

 

Questa esemplare struttura con vincolo numero 553 risalente al 17 luglio del 1967, è stata riconosciuta opera monumentale. Dal 2011, un intervento di restauro ha permesso a questa storica e gloriosa gemma dei navigli lombardi di tornare a risplendere in tutta la sua bellezza e importanza.

 

Se volete scoprire anche altri luoghi della città legati al più famoso artista e scienziato italiano, non perdete il nostro speciale: Leonardo da Vinci a Milano: 8 luoghi d’incanto dove scoprire il genio toscano.

 

Come Arrivare

 

La Conca dell’Incoronata si trova in Via San Marco, non distante da Porta Garibaldi e da Porta Nuova. La fermata della metropolitana più vicina è “Moscova”, sulla linea verde M2.

 

Mappa

 

Ti potrebbero interessare:

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Milano Pocket
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Milano Pocket

Calendario Eventi

<< Ottobre 2019 >>
lmmgvsd
30 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3
X