I 35 proverbi milanesi più belli e divertenti

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 2 . Media: 5,00 su 5)
I 35 proverbi milanesi più belli e divertenti

Il dialetto milanese ha origini molto antiche che fondano le loro radici sul latino, ma che ha anche contaminazioni legate a lingue celtiche e indoeuropee. Nonostante una storia molto antica è ancora molto utilizzato e in continua evoluzione, tanto da integrare ancora oggi parole nuove.

 

Un dialetto che sta al passo coi tempi, quindi, ma anche un mezzo attraverso il quale si tramandano da generazioni quelle pillole di saggezza chiamate proverbi.

 

Abbiamo così deciso di raccogliere i proverbi milanesi più belli e divertenti che ogni milanese deve assolutamente conoscere. Eccoli!

 

  • Chi volta el cùu a Milan, il volta al pan
    (Chi dà le spalle a Milano, lo gira al pane)
  • Quaant se gh’a fam, la puleenta la paar salama
    (Quando si ha fame la polenta sembra salame)
  • I danè a fan daná, ma avei minga fan tribülà
    (I soldi fanno dannare, ma non averne è peggio)
  • Milanes, pissa vun, pissan in des
    (Milanesi, piscia uno, pisciano in dieci)
  • A pensà mal se fà maal, ma se sbaglia mai
    (A pensare male si fa peccato, ma non si sbaglia mai)
  • Se te voeu fatt amà, fatt on por desiderà
    (Se vuoi farti amare, fatti un po’ desiderare)
  • L’avar el dorma mai
    (L’avaro non dorme mai)
  • Trav in pee e donna in pian tegnen su el Domn de Milan
    (Travi in piedi e donna in piano tengono su il Duomo di Milano)
  • De pù de vècc no se pò scampà
    (Più che vecchi non si può diventare)
  • Chi è potent è prepotent
    (Chi è potente è prepotente)
  • Chi non s’engegna, fa la tegna
    (Chi sta con le mani in mano, fa le ragnatele)
  • De Milan ghe n’è domà vun
    (Di Milano ce n’è una)
  • Cui danè as fa tüt
    (Con i soldi si fa tutto)
  • A Milan, anca i moron fann l’uga
    (A Milano, anche i gelsi fanno l’uva)
  • Douve se caga se lassa el stronz
    (Dove si agisce si lascia il segno)
  • L’è mej un usell in man che cent che vula
    (È meglio un uccello in mano che cento che volano)
  • Quand se sta màa, se sta màa de per tutt
    (Quando si sta male, sia sta male ovunque)
  • A parlà pocch se falla mai
    (A parlare poco non si sbaglia mai)
  • L’è mei fa un casu al sù che lauraa all’umbria
    (È meglio oziare al sole che lavorare all’ombra)
  • La bocca l’è minga stracca se la sa nò prima de vacca
    (La bocca non è stanca finchè non finisce di mangiare)
  • Nà lavàda, nà sùgàda, la par n’anca duperàda
    (Una lavata, un’asciugata, non sembra neanche usata)
  • De gioven en moeur, ma da vècc ne scampa minga
    (Di giovani ne muoiono, ma di vecchi non ne scampa nessuno)
  • Dove gh’è danee n’è se sent
    (Dove ci son soldi non ce se ne accorge)
  • La gotta, l’è el maa di sciori
    (La gotta è la malattia dei signori)
  • Dòna che la piang e cavall che süda hinn fals me Giuda
    (Una donna che piange e un cavallo che suda sono falsi come Giuda)
  • A tucc ghe par de pensà giust
    (Tutti pensano d’essere nel giusto)
  • Robba de comun, robba de nissun
    (Le cose di tutti non sono di nessuno)
  • V’una pissada senza il pet, a l’è come un viulin senza l’archett
    (Una minzione senza un peto è come un violino senza l’archetto)
  • La malerba l’è quèla che cress püssee
    (L’erba cattiva non muore mai)
  • In mancanza de cavai, se fan trottà i asen
    (Se mancano i cavalli si fan correre gli asini)
  • L’amur, la fiama e la tuss se fan cugnuss
    (L’amore, il fuoco e la tosse non si fanno conoscere)
  • L’aqua la fa mal, la bev dumà la gent de l’uspedal
    (L’acqua fa male, la beve solo la gente dell’ospedale)
  • Basta minga avegh i daneè, ma ancà savè spend
    (Non basta avere i soldi, bisogna saperli spendere)
  • A Milan quell che no se pò fa incoeu sel se fa doman
    (A Milano quello che non si può fare oggi si fa domani)
  • Chi no g’ha colpa,no gha peccaa
    (Chi non ha colpa, non ha peccato)
  • L’è mej un usell in man che cent che vula
    (È meglio un uccello in mano che cento che volano)
  • Anca a Milan quand pioeuv l’acqua la bagna
    Anche a Milano quando piove l’acqua bagna
  • O te mangiet la minestra o te saltet dala finestra
    (O mangi la minestra o salti dalla finestra)
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Milano Pocket
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Milano Pocket
X